Avevamo riportato il sogno erotico di Max Verstappen di essere compagno di squadra di Charles Leclerc. Se questo evento dovesse mai succedere, non succedererebbe nella Ferrari di Binotto. Troppo ingombranti le due figure per condividere un team. Alla Gazzetta dello Sport, ha parlato così: "Sono cresciuto all’epoca di Michael e al suo fianco c’erano Barrichello e Massa. Sono dell’idea che si debba avere una grande prima guida e un altro pilota in grado di vincere gare e di fare punti. Tipo Hamilton e Bottas. Avere due piloti così crea forti difficoltà di gestione. Con Seb ci siederemo al tavolo per capire le sue intenzioni e confrontarle con le nostre. Non c’è motivo di separarsi, ma da qui alla prossima primavera potranno succedere tante cose. Dall’altra parte, in ogni caso, c’è la sicurezza di avere un giovane di talento sotto contratto a lungo termine".

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Ven 13 Settembre 2019 alle 23:30
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print