Charles Leclerc, ancora lui, di nuovo lui. Un bolide nella marea rossa. Leclerc, una gara vinta si, con la velocità, ma con la testa di un grande pilota, freddo e spietato come un campione, fortunato nel sopravvivere e corregere agli errori. Davide Valsecchi di Sky ha detto che questa vittoria lo ha reso immortale: "Il pubblico è stato straordinario, ma Leclerc è stato micidiale e spietato in pista. Bravo il team per la strategia. Eccezionale Leclerc, anche contro Hamilton. Clamorosa la situazione sotto al podio, il pubblico ha spinto per tutta la gara, ma i meccanici hanno fatto un pin stop velocissima, con una grande strategia. Ma Leclerc ha fatto un’impresa nel difendersi contro Hamilton. Se in Austria avevamo detto che gli mancava un po di cattiveria, ora l’ha mostrata. Dal 2006, Giovinazzi è il primo pilota italiano a punti a Monza, grandissima gara sempre nei primi dieci. È stato estremo oggi, tutti velocissimi anche i meccanici. La Ferrari è stata brava a non abboccare alla finta della Mercedes, il pit stop il capolavoro di giornata. Un weekend dominato e conclusione perfetta. A Vettel, è partito il posteriore in entrata. Un rischio clamoroso rientrare in pista in quella maniera. Mi dispiace tantissimo per Vettel perché ieri era veloce e c’è stato quell’ultimo giro, oggi questo errore, non ci voleva. Il ragazzo è così forte che se ne frega dei soldi, ma gli frega solamente di vincere. L’importante è correre. Vincere a Monza con la Ferrari ti rende immortale. Spero che questa gara svolti la stagione di Giovinazzi, si è preoccupato di fare punti nel giorno in cui Raikkonen non ha fatto una buona gara. Spero che gli possa stare vicino nelle prossime gare. Quando Hamilton è andato lungo e Bottas lo ha sorpassato, Leclerc avrà pensato che era fatta. Bottas è un grandissimo lavoratore, ma gli manca quel quid di talento per rimanere attaccato."

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Dom 8 Settembre 2019 alle 17:29
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print