UFFICIALE MESSICO RINNOVA - Grazie ad un rush finale, ora è ufficiale. Il Gran Premio del Messico rinnova con la Liberty Media e rimarrà per altre tre stagioni (fino al 2022) una delle tappe conclusive del calendario di Formula. L'accordo è stato trovato tra la Corporacion Interamericana de Entretenimento (CIE), il colosso americano e il governo messicano, che ha investito molto sull'evento per via dell'afflusso turistico che ne deriva. A commentare la buona riuscita dell'accordo è stata la sindaco di Città del Messico, Claudia Sheinbaum Pardo, che ha annunciato la trasformazione dell'evento in Gran Premio di Città del Messico: "La presenza della Formula 1 in città per altri tre anni è stata raggiunta per la prima volta grazie a un nuovo modello di finanziamento in cui le risorse pubbliche non sono state utilizzate. In precedenza, il governo federale aveva collaborato al pagamento per l’evento. Il governo di Città del Messico fungerà da intermediario, creando una certa fiducia che aumenterà gli investimenti privati ​​necessari per garantire questo evento internazionale. Il prezzo dei biglietti rimarrà uguale agli anni precedenti." Anche Chase Carey, boss della Liberty, ha aggiunto la sua opinione sulla permanenza del Messico in Formula 1: "Siamo lieti di aver rinnovato la nostra partnership con Città del Messico, che sarà presente nel calendario di Formula 1 almeno fino al 2022. Da quando è tornato ad ospitare un Gran Premio nel 2015, questo evento ha sempre dimostrato di essereincredibilmente popolare tra gli appassionati, non solo in Messico ma in tutto il mondo. Prova di ciò è il fatto che il promoter della gara ha vinto il premio FIA per il miglior evento negli ultimi quattro anni consecutivi grazie agli oltre 1,3 milioni di spettatori che hanno partecipato al Gran Premio. Vorrei ringraziare il sindaco Claudia Sheinbaum Pardo e l’intero governo di Città del Messico per tutti i loro sforzi per garantire un futuro alla Formula 1 in Messico."

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Gio 8 Agosto 2019 alle 19:39
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print