Un fenomeno come secondo pilota, forse uno dei migliori scudieri di sempre. Mentre Micheal Schumacher collezionava titoli, Rubens Barrichello gli guardava le spalle e accumulava punti per il Mondiale Costruttori. A Globoesporte, il pilota brasiliano si confessa, tra l'ictus, l'incidente del campione tedesco e i retroscena del famosissimo ordine di scuderia della Ferrari in Austria nel 2002. 

Dai primi anni in F1 a oggi, cosa hai perso in velocità? Cos'è cambiato?

Penso che l'unica cosa che sia cambiata è la condizione fisica. Non può rimanere lo stesso come i miei 20 o 30 anni. Sono sempre stato ben allenato. Non penso che siano così più veloci di noi, potrei sbagliarmi, ma non lo credo. In Stock Car, al giorno d'oggi, siamo sempre al passo con la velocità. Chi pensa che la Stock è più facile di F1 è sbagliato. È molto competitivo. Lottiamo per un decimo di secondo. Si tratta di auto diverse. In Stock, la condizione fisica cruciale, nonostante il raggiungimento di 60 gradi di temperatura. È come fare una sauna, poi ti ci abitui.

Hai passato quasi metà della tua vita in F1. Un sacco di gente dice che lavorare in F1 rende la persona peggiore, perché è un ambiente molto difficile, soprattutto per i piloti. Come hai fatto ad attraversare questo mondo? Come sei riuscito a sopravvivere? 

È un mondo molto presuntuoso. Può sollevare la tua mente o abbatterti. L'unico modo in cui sono sopravvissuto è stato facendo le scelte che sono state fatte, prendendo le scelte sbagliate e approfittando di quelle giuste. Ma era per amore. Ho pensato: “Cazzo, non ho visto la mia famiglia”. Si può sopravvivere solo perché nel momento in cui ci si siede in macchina, si sente ciò che motiva a fare tutto. Il ragazzo sopravvive solo un lungo periodo di tempo per la passione che ha per le auto e i risultati. In F1, sei buono come la tua ultima gara. Si può avere avuto un anno orribile. Se hai vinto l'ultima gara, è fatto. Ma non è facile.

Quali erano le tue scelte sbagliate?

Ho avuto contatti ad altre squadre in certi momenti, e non si sa se hai fatto bene, se non l’hai fatto. Jackie Stewart direbbe: “Non andare alla Ferrari, amico. Resta qui. Faremo questa squadra vincente”. Ma non potevo negare un invito della Ferrari.

E qual è la tua decisione migliore in F1?

Mantenere le gomme slick ad Hockenheim 2000 (prima vittoria di Barrichello Ndr.)

Fu una tua decisione?

Si

Ti sei fatto qualche nemico?

Ho contraddetto tutti. In Austria nel 2002 (quella del famoso ordine di scuderia) è successo che Michael (Schumacher) si era avvicinato e Ross (Brawn, ex direttore Ferrari) era sulla mia radio. Quando Brawn era in radio con me era bello parlare con lui.  Mi disse: “fermati a quel giro”. Ho detto: “Perché?”. Poi ha detto: “Perché tutti si fermano, tutti si muovono all'interno dei box, piove molto qui”. E ho detto: “amico, non sta piovendo sul rettilineo, non può fermare”. E lui: “No, ma ti devi fermare”. E io dissi “Ross, è tutto a posto qui, non mi fermo”. Ho pensato: “Per mettere le gomme da pioggia serve la pioggia, qui non c’è” Poi a Ross ho fatto: “Cosa è successo a Mika Hakkinen? Perché non mi ha raggiunto? Perchè la gomma si è surriscaldata. Non gli è piaciuta la gomma da pioggia”. Ross ha detto: “Sei pazzo. Ma se hai ragione, vincerai la gara”. All'ultimo giro, avevo paura perché stava piovendo di brutto. Era un'avventura guidare in quel bagnato. Ma ho avuto dieci secondi. Poi ho potuto fare un piccolo giro, solo per finire

È comune per i piloti sfidare le decisioni? Sembra più comune obbedire all'ordine e poi interrogarsi.

Penso che questo venga con il tempo. Non si può arrivare a una squadra come Ferrari e discutere soltanto per poi prendere la propria decisione. Ma nella prima decisione, ho fatto la mia osservazione fino a quando ho guadagnato fiducia. Venivamo dal Canada, una gara in cui ci dicevano alla radio che io e Michael stavamo andando molto più veloci degli altri e ci era stato detto che avremmo potuto fare un passo indietro. Ho detto: “Se rallento, mi fermo”. È stata una sensazione: levati di mezzo, che oggi sono schifoso. Sapevano già che avevo un accordo con la pioggia. In Interlagos, il primo giorno ha piovuto, mio padre ha detto: “Non abbiamo soldi per la gomma da pioggia. Se vuoi lasciare la stick puoi”. E ho imparato a guidare sotto la pioggia così. Questo probabilmente mi ha insegnato, mi ha dato l’esperienza per una vincere ad Hockenheim. Ma la domanda viene dal momento in cui si è sicuri di ciò di cui si sta parlando. Dopo di che, il piccolo Rubens sarà il ragazzo che prova le gomme, il ragazzo che deciderà la configurazione. Ma questo risultato è solo a causa della passione che ho. Sono noioso, mi metto spesso in discussione, ma imparo cosi. In Stock Car, è lo stesso. Non ho rovesciato il tavolo e preteso di sapere tutto. Volevo imparare, come ho fatto.

Hai menzionato in precedenza la conversazione con Ross Brawn in Austria. Come è andata? A che punto ti dice farti sorpassare Schumacher?

A otto giri dalla fine, parla: “Dovremmo eseguire il sorpasso”. E io domando: “Quale sorpasso?”. Ross mi risponde: “Dovrai far passare Micheal”. Non ero d'accordo. Non avevamo mai parlato di una possibilità del genere. Già l’anno prima lo feci. Ero secondo e lui terzo, Coulthard il primo, e poi l’ho lasciato sorpassi e nessuno l’ha mai saputo. Quel giorno gli dissi: “E se stessi combattendo per la vittoria?”. “Ah, se stessi lottando per la vittoria, non avremmo mai chiesto questo per voi”. Era il mio argomento dell'anno successivo. Quando fa male. La domanda rimase in sospeso per otto giri e ne abbiamo continuato a parlare.

Hai lasciato che lo Schumacher passasse davanti al traguardo. Com'era la radio nell'ultimo giro, con lui che ti ordinava di cedere la posizione? Sei stato in silenzio?

No, no. La conversazione è andata avanti fino all'ultimo momento. Logicamente, non volevano che andasse così. Speravano che fosse tutto più tranquillo. Ho detto: ‘Amico, non mi sento a mio agio a farlo, non ne abbiamo bisogno’. Era la sesta gara del campionato. Quello che mi fa sentire meglio è che il 99% dei piloti l’avrebbe fatto. Io faccio parte di quell’uno, quella parte che avrebbe rifiutato.

Ci fu un ultimatum?

Mi dissero una frase, una frase su cui un giorno potrei scrivere in un libro. Mi fece ripensare tutta la mia storia in fretta. Avevo appena firmato il mio contratto con la squadra per altri due, tre anni. Se fossi stato seduto lì, al muretto, avrei fatto lo stesso.

E lì decisi di farlo passare?

Sono entrato nell’ultimo giro sapendo che l’avrei fatto passare però volevo fare in modo che tutti lo vedessero. Questa situazione è accaduta di tanto in tanto, e ho sempre detto molto chiaramente che Schumacher era migliore di me, dal 70 al 30%, dall'80 al 20%, quello che è. Ma quando ero il 30% più veloce, amico, lasciami vincere. Ho sempre lottato molto per il mio spazio e ho vinto, quella percentuale è aumentata, ma Michael aveva un'enorme qualità nel mettere le persone intorno a lui, una squadra molto ben organizzata. Ho appena aggiunto. Ero lusingato che un ragazzo ha chiesto a Michael un accordo e ha detto così: “Chiedi a Rubens”. C'è qualcosa di veramente buono in lui.

Questo giorno in Austria è uno dei giorni più suggestivi della storia della F1. Rimpiangi di averlo fatto? Pensi che avresti potuto farlo diversamente per proteggerti?

Se nel 2002 avessimo avuto già Twitter, Instagram, Facebook, avrei detto la verità. In quel momento, la verità era distorta. Fino ad oggi, mi dico: ‘Cazzo l’hai lasciato passare per i soldi. L'unica cosa che ho vinto è stato il primo trofeo. Sono salito sul podio e l'ho raccolto’. Quel trofeo è ancora a casa. Ma la storia è stata distorta. È l'unica cosa che dà tristezza. Perché lì ho migliorato la F1. Mi era stata fatta una domanda che mi aspettavo da tempo e i team radio furono la prova che non accettavo. Nel momento in cui l’ho fatto, l’ho mostrato a tutti. Non volevo niente. Volevo solo vincere la gara. Era il compleanno di Silvana (ex moglie), e volevo davvero vincere la gara e tornare a casa con il trofeo. Alla fine ci sono tornato. Penso davvero che ogni cosa negativa abbia un lato positivo. In Brasile, l'hanno interpretata come debolezza. Se avessi fatto qualcosa di sbagliato, arei stato il primo a prendersela con me stesso perchè sono stato educato così. Non l'ho fatto perché volevo farlo. Mi è stato imposto. Ho detto: "Capo, l'anno scorso la stessa cosa mi è stata detta e lascerò il primo posto. Non lo lascerò”. Non volevo alzare la bandiera, volevo solo vincere la gara. È per questo che ho lottato tutto il tempo. E per me ho vinto la gara. 

Dov'eri quando hai saputo dell'incidente di Schumacher?

Ero a fare il pazzo. Per la prima volta nella mia vita avevo preso la mia famiglia ed ero andato a sciare in montagna. In quel momento ho saputo dell'incidente. La malvagità delle persone a quel punto ha superato ogni limite perché io avevo appena pubblicato una foto con la mia famiglia sulla neve e la gente pensò che ero contento per il suo incidente. Che fossi contento perché era una vendetta per avermi fregato in Austria. La malvagità delle persone a volte supera qualsiasi limite. Il 31 dicembre ho svegliato i bambini per trascorrere insieme il Capodanno. Dormivano e ho pregato con loro recitando il Padre Nostro per lui. Dudu mi ha chiesto: "Papà, questo signore non ti ha fatto del bene, perché lo stiamo facendo?". È stato un buon momento per educare. Non c'è da provare rabbia, ho dimostrato a mio figlio che non avevo nulla contro Schumacher, non ho mai voluto il suo male

Tu hai tremato per un ictus invece...

Vero. Dopo 12 giorni ne sono uscito completamente azzerato. Mi ha fatto venire voglia di vivere, di essere aiutato e aiutare, di fare tanto. Di non aspettare domani per fare qualcosa che potresti fare oggi. Ho avuto la possibilità di morire. Un giovane che guida un'auto a 300 km\h, a un pollice da un muro, ha una diversa nozione della mortalità. Una settimana dopo la morte di Ayrton e il mio incidente ero di nuovo in macchina. Infransi il track record dinanzi a un bivio sullo smettere o ricominciare più forte di prima. In macchina vidi ciò che volevo.

Com'era la tua reazione con Ayrton?

Era molto privata. Lui era uno che quando sporgeva la testa, se c'erano troppe persone, decideva di uscire dal retro. Per lasciarsi andare ti doveva incontrare più di una volta. Di fronte ai suoi amici poi si scatenava. Persona divertente, molto divertente. È stato bello stare con la sua famiglia e con la gente che gli voleva bene. Io ero molto più giovane, Ayrton mi trattava come un fratellino. Sedersi accanto a lui durante i briefing era fantastico. Ho vissuto purtroppo pochissimi di quei momento. Un anno intero e solo due gare nel 1994. Arrivavo prima e sistemavo il mio seggiolino accanto a lui. Quando Berger si avvicinava, Senna gli diceva: "Se ti siedi lì ti ammazzo".

Nel 1994 si dice che Senna fosse nervoso per una Williams inguidabile...

Ayrton, con la vettura del 1993, avrebbe vinto il campionato alla quinta gara. Voleva tanto andare alla Williams per guidare un'auto ultra competitiva. Non ci andò per la facilità. Arrivato lì però, senza le sospensioni attive, la vettura andava male. Mise un secondo fra lui e Damon Hill, ma contro la Benetton di Schumacher c'era davvero poco da fare. Sentì la pressione su di lui a Interlagos che lo guardava non vincere. Non riesco a capire se fosse triste per quella situazione, per me, o per Ratzenberger. Sembrò tutto una premonizione, ma era vero che non stava bene. Nel volto a Imole non era solamente concentrato, era preoccupato.

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Sab 5 Ottobre 2019 alle 12:02
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print