Fuori dal mondo della Formula 1, esplodono talenti. Mentre il Circus rimane la grande ambizione di ogni pilota, ambizione però raggiunta solo da una strettisima elitè, fuori nelle varie categorie GT, Indy o campionato elettrici vediamo emergere talenti che cullavano il sogno della Formula 1 e si sono dovuti accontentare di altri mondi. Però stanno vincendo come l'italiano Raffaele Marciello, ex Ferrari Driver Academy, ora in Mercedes per correre GT World Challenge Europe, nell’ADAC GT Masters e nella cosiddetta Nurburgring Langstrecken Serie. Un giramondo vincente che, ai microfoni di Autosport, si è scagliato contro la Formula 1 e i piloti che rimangono impantanati nella mediocrità: "Sono un pilota, corro 30 gare all’anno e guido nei migliori circuiti, dunque sono felice. Se dovessi scegliere tra vincere le gare GT più prestigiose e combattere per un 15° posto in F1 come Antonio Giovinazzi, allora terrei la mia scelta. Ogni volta che scendo in pista posso pensare solo a correre e non alla politica. Mi piace dire quello che penso, e questo valore non è buono per la F1. Penso di aver trovato la mia strada e non la cambio. Quando sei giovane e ti dicono che sei la stella italiana del futuro, ti senti invincibile. Ma no, non lo sei. Con l’esperienza impari ad ascoltare di più le persone, capendo cosa è importante e cosa no. Questo è un elemento che mi è mancato nel passato. Nel 2015 ebbi un anno deludente, è stato il momento chiave. Ero nel momento sbagliato, nel posto sbagliato: in Ferrari stava cambiando tutto, io ero nel limbo e abbiamo preso la decisione errata di andare in un altro team (passò dal Racing Engineering al team Trident, nda). Il team era più piccolo e nei briefing si dicevano sempre le stesse cose, non imparai granché. Io dicevo che se avessero voluto vedermi vincere, avrebbero dovuto mettermi su una macchina migliore. Penso che ho guidato piuttosto bene con il materiale che avevo".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER SEGUIRE TUTTE LE INFO DI FORMULA 1 DIRETTAMENTE DA GOOGLE NEWS - ISCRIVITI, È GRATIS!

Sezione: News / Data: Mer 07 aprile 2021 alle 17:19
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print