La Racing Point ha dimostrato di essere la sorpresa di questa prima giornata di test. I buoni rapporti tra papà Stroll e Toto Wolff hanno fatto sì che la scuderia tedesca aiutasse di gran lunga i clienti inglesi, che diventeranno Aston Martin a breve, e si è visto con un super Sergio Perez, dietro solo alle due Mercedes. Carlos Sainz non l'ha presa bene e si è lamentato di favori da parte dei grandi team: "Una squadra come la McLaren ha sempre obbiettivi ambiziosi e da lei ci si aspettano sempre dei risultati importanti. Sappiamo che il quarto posto in classifica non è l’obbiettivo finale che ci poniamo. Ma siamo ancora all’inizio del nostro percorso di recupero verso le posizioni di testa, ed è difficile dire dove saremo a fine stagione. Del resto vedete anche voi che se un piccolo team riceve un aiuto importante da uno dei team più grandi, e si presenta in pista con una macchina molto simile ad una Red Bull o una Mercedes che ha corso nella scorsa stagione, per la McLaren diventa difficile fare grandi step di prestazione. Ma noi non possiamo influenzare quello che fanno gli altri e dipendiamo solo dalle nostre azioni. Dobbiamo focalizzarci sulle nostre attività e continuare a fare quello che stiamo facendo. Mettere in pista una vettura che da subito copre molti giri e si dimostra più veloce della precedente”

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Gio 20 Febbraio 2020 alle 10:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print