La prima parte è andata, ora bisogna aspettare ancora una settimana per scoprire le forme della SF21 che ammireremo in pista in questo mondiale. Per ora, possiamo attaccarci alle dichiarazioni di orgoglio, di amore e a prospettive di miglioramento. Charles Leclerc, ormai capo popolo della Rossa, ha parlato dell'Essere Ferrari e del suo nuovo compagno Carlos Sainz durante la presentazione: "Essere un pilota della Ferrari è sempre un orgoglio. Stare qui vuol dire migliorarsi in ogni aspetto, c’è un team che lavora giorno e notte. Ci stimoliamo l’uno con l’altro in questa squadra: l’importante è che la Ferrari vinca. Qui non puoi mai deconcentrarti: pensavo di sapere cosa volesse dire firmare per la Ferrari. Però quando arrivi qui conosci le persone e vedi quanto sono focalizzate sui dettagli. ll tutto è finalizzato poi alla prestazione in gara, e io sono qui per battere tutti. Sainz? Il compagno di squadra è l’unico che ha la tua stessa macchina. Sarà interessante lavorare insieme, Ferrari è come una famiglia. Il compagno più veloce è più uno stimolo che un disturbo: ci sono state delle volte in cui il mio compagno era più rapido, ma quando capita puoi capire il perché, con tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione. Per me la popolarità è cambiata dopo Monza, quel weekend è stato il massimo. Da quel giorno le persone mi fermano un po’ di più, soprattutto in Italia si sente la passione della gente. Gli italiani ce l’hanno dentro di loro, è quasi una religione. È strano da spiegare ma senti di far parte di questa famiglia ed è un grandissimo onore. Abbiamo smesso di soffrire? Vedremo, speriamo! Con un progetto nuovo di macchina è sempre difficile saperlo fin quando non la metti giù, abbiamo fatto tante riunioni, ci sono delle cose positive in questa vettura. C’è stato tantissimo lavoro per migliorarla, poi dove saranno gli altri lo sapremo solo in pista".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Sab 27 febbraio 2021 alle 09:11
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print