Michael Schumacher batte Lewis Hamilton come attrattiva "televisiva". Il campione tedesco di Benetton e soprattutto Ferrari offriva, insieme ai suoi colleghi, uno spettacolo che il pubblico dell'epoca reputava decisamente più coinvolgente di quello confezionato da Hamilton & Co. 

A confermarlo i dati pubblicati da uno studio di Sponsor Value di StageUp e Ipsos. I numeri sono impietosi. Nell'era del dominio di Michael Schumacher in tutto il mondo la Formula 1 era ancora un fenomeno nazional-popolare. Poi, complice anche l'arrivo della pay tv e uno spettacolo sempre meno competitivo e forse "rischioso", il Circus ha descritto una continua parabola discendente. E infatti, oltre a un calo del 50% degli ascolti (nonostante la timida ripresa del 2020 ndr), è l'identikit dei telespettatori che deve far riflette: sempre meno giovani seguono la Formula 1. L'età media degli appassionati continua ad alzarsi con costanza. 

Possono essere le gare sprint la soluzione? Ne è convinto Juan Pablo Montoya, così come Liberty Media. Ma il rischio è che serva un cambio di passo anche al "vertice" della griglia...

Sezione: News / Data: Sab 10 aprile 2021 alle 21:02
Autore: F1N Redazione
Vedi letture
Print