Continua Giancarlo Minardi con la storia del team satellite della Ferrari. L'ex team principal della squadra, ora diventata Alpha Tauri, ha parlato di quando nel 2001 chiese alla Ferrari di creare un team satellite: "Mi contattarono gli emissari dell’Agip e mi proposero una sponsorizzazione con cifre che non avevo mai sentito e mai immaginato. Si erano accorti di aver sbagliato nell’aver lasciato la Ferrari alla Shell e mi proposero di formare un team satellite di Maranello col nome di Maserati. Avrei usato i motori Ferrari ma con testata diversa, cioè con nome e marchio della Casa del Tridente. Mi recai, quindi, da Montezemolo per riferirgli la proposta. Mi apparve dubbioso, mi disse: non so, voglio chiedere a Todt. Telefonò a Todt che, senza indugiare neppure un po’, rispose di no. Fu un errore clamoroso, perché oggi fra Maranello e Faenza ci sarebbe un travaso di informazioni e un turnover di giovani promesse come invece accade con la Red Bull. La Ferrari, in questo difficile momento, non può assumere un giovane ingegnere, anche se laureato con 110 e lode, e dargli carta bianca. In un piccolo centro, invece, c’è spazio per farlo, per far crescere ingegneri, tecnici, piloti e meccanici”

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Gio 10 settembre 2020 alle 16:41
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print