Le nuove regole presentate due settimane fa negli Stati Uniti stanno raccogliendo impressioni, analisi e commenti in queste prime settimane. Daniel Ricciardo è particolarmente soddisfatto del lavoro fatto da team, FIA e Liberty Media, soprattutto per il fatto che le macchine saranno più lenti rispetto a quelle di questi ultimi anni: "Non mi interessa, non mi dispiace. Una delle stagioni più divertenti che ho vissuto in F1 è stato il 2014 e le macchine erano più lente di otto secondo rispetto ad oggi, l’importante è che ci siano battaglie ravvicinate e dure. Ad Austin la FOM stava riprendendo go-kart che giravano sulla loro pista, c’erano delle battaglie e mi divertivo a vederli, anche se andavano andare a 50 km/h. Tutto quello che è una battaglia ravvicinata è esaltante. L’ideale sarebbe continuare ad andare allo stesso ritmo o anche più veloci ma avere dei sorpassi. Non fraintendermi, noi vogliamo andare veloce. Ma dovendo scegliere preferirei avere tempi sul giro più lenti con belle gare, piuttosto che giri più veloci ma senza battaglie. Preferisco avere delle belle battaglie piuttosto che una sfilza di giri record. Altrimenti potremmo fare prove cronometrate e basta per il resto delle nostre carriere. Tre secondi più lenti per me va bene. Il 2016 ad esempio è andato bene, le auto non erano lente come nel 2014“

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Mar 12 Novembre 2019 alle 18:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print