Un'Alpine che guarda con fiducia il futuro nonostante la macchina stia faticando più del previsto. Fernando Alonso ha già confermato la sua presenza per il 2022 e stavolta ha parlato il CEO Luca De Meo all'Equipe mostrando le linee guida della scuderia francese: "Sentivo che dovevamo guidare l’impegno in Formula 1 verso una nuova storia. Per le persone che avevano scritto la storia precedente con Renault (Abiteboul e Stoll Ndr), stava diventando difficile guidare la squadra in un’altra direzione. Li ringrazio; hanno ottenuto alcuni podi ma senza criticare ciò che è stato prodotto, ovvero una buona base, dovevamo andare avanti. Renault F1 era finita in una sorta di zona di comfort. Alla fine, non abbiamo spostato molte persone nel team: abbiamo solo rafforzato la nostra gestione ottenendo Davide Brivio e promosso internamente Marcin Budkowski a un ruolo di leadership più importante. Avevo bisogno di un’organizzazione del team di F1 che fosse più direttamente collegata a me. I costruttori investono nella F1, ma non sempre ottengono un ritorno sull’investimento. Ho quindi valutato positivamente la politica di riduzione dei costi intrapresa dalla FIA, pur mantenendo in F1 l’apice tecnologico e il suo ruolo di laboratorio per l’auto di tutti i giorni. La concorrenza sarà dura e questo è un bene per lo spettacolo. Certo, vorrei vincere, salire sul podio per garantire la nostra visibilità, per essere sicuro che il marchio sia ben rappresentato. Ma la cosa più importante è che la competizione diventi spettacolare e non noiosa. Sono inoltre soddisfatto del percorso intrapreso da Liberty Media e del modo in cui il marketing si orienta verso il digital e i social network con un impatto immediato sulla sua visibilità. Migliora sempre di più, ci consente di raggiungere una nuova generazione di pubblico. Anche la serie Netflix è stata innegabilmente un grande impulso".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER SEGUIRE TUTTE LE INFO DI FORMULA 1 DIRETTAMENTE DA GOOGLE NEWS - ISCRIVITI, È GRATIS!

Sezione: News / Data: Mar 06 aprile 2021 alle 09:24
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print