Le forti decisioni del governo britannico, causa Covid, hanno già fatto slittare di un paio di settimana il doppio appuntamento a Silverstone, ora si sta prospettando un nuovo scontro tra la FIA e l'organizzazione del circuito. Infatti, una parte dei commissari di gara, quelli che staranno del paddock, a stretto contatto del team saranno sottoposti alla completa routine di prevenzione al Covid-19, come fossero membri del team. Alla seconda parte, invece, che starà a bordo pista, gli verrà misurata solamente la febbre all'arrivo. Una situazione che è piaciuta poco agli steward che, al The Guardian, hanno parlato così: "Mi sento preso in giro. Il 40% di noi ritiene che qualcosa non vada bene e non è molto contento. Ci sentiamo cittadini di seconda classe. Solo perché non siamo a diretto contatto con le squadre, allora non siamo importanti. È uno schiaffo in faccia, visti il tempo, i soldi e gli sforzi che compiamo ogni anno. Ci fa sentire indesiderati o solo un male necessario. Stanno facendo tanto per costruirsi un’immagine di sicurezza, ora sappiamo che non è così. Si tratta di un taglio dei costi? Beh, con diverse migliaia di test non sarebbe un problema aggiungerne qualche centinaio in più".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Dom 26 luglio 2020 alle 11:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print