Le dichiarazioni sul motore Ferrari di Max Verstappen hanno alimentato le polemiche tra Ferrari e la Red Bull tanto da indurre Mattia Binotto ad andare a chiedere un chiarimento al suo omologo Christian Horner. Yhacbec López di MotorLat.com ha riportato quello che è successo nel paddock: "Io mi trovavo di fronte all’hospitality Red Bull. Binotto è poi tornato ai box Ferrari, salvo riapparire pochi minuti più tardi. Horner ha salutato i giornalisti e Binotto è entrato nell’hospitality a cercare il rivale. È iniziato immediatamente uno scambio di opinioni piuttosto chiaro e schietto. Mattia è andato a cercare Horner in territorio avversario e con molta personalità […]. Ha parlato in maniera molto ferma e decisa, e ci sono state delle lamentele. Ho potuto sentire un avvertimento su possibili azioni legali. Horner ha spiegato  di avere solamente espresso un’opinione e Mattia ha replicato in tono rigoroso. Il livello della discussione è salito, Binotto ha annuito e ha abbandonato l’hospitality. La tensione era evidente, Horner si era fatto paonazzo".

Anche un altro giornalista, Gustavo H.Motta di Graining.es, ha riportato su Twitter l'incontro: "Questo è ciò che è accaduto al termine del GP degli Stati Uniti. Christian Horner si è fermato a parlare con alcuni colleghi di riviste specializzate. Improvvisamente Binotto è uscito dal box Ferrari, dirigendosi verso l’hospitality Red Bull. Con un viso ben poco amichevole. Si è fermato là davanti, osservando cosa stesse accadendo e con chi stesse colloquiando Horner. È tornato al box Ferrari, continuando a fissare il tavolo di Horner. Terminato l’incontro con i giornalisti, Binotto è tornato a parlare con Horner, per una conversazione che sembrava essere non molto amichevole. Hanno discusso per qualche minuto, improvvisamente il colloquio è finito e Binotto è tornato al box".

(Foto in copertina presa dal profilo Twitter di Gustavo H.Motta)

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Mar 5 Novembre 2019 alle 12:25
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print