Cevert, ma non solo. La mente, almeno personalmente, è volata altrove nel guardare l'incidente di Grosjean. Uno schianto che ricorda più quello di Helmuth Koinigg. Watkins Glen la pista incriminata. Aveva attirato le attenzioni del Circus dopo il 10° posto in Canada, Koenigg. Poi, al decimo giro, l'incidente fatale. Una foratura e lo schianto frontale contro le barriere, in tutto e per tutto come quello di Grosjean. Rimane "intatto" solo il primo guard-rail, la vettura passa sotto e Koenigg resta decapitato. Differenze da allora? Scocca, soccorsi, vetture e halo. Salva vita dovuti e fondamentali. E anche una coscienza diversa. A quel tempo la gara non fu neanche interrotta, venne steso un telo sul rottame col corpo del pilota legato dentro e sopra la testa separata ancora dentro al casco. 

Sezione: News / Data: Dom 29 novembre 2020 alle 16:02
Autore: Mirko Borghesi / Twitter: @@BorghesiMirko
Vedi letture
Print