Baku sorride a Sergio Perez e stavolta ha sorriso anche alla Red Bull, nonostante la quasi ecatombe toccata da Max Verstappen. Il pilota messicano ha fatto quello per cui è stato preso: massimizzare le prestazioni della macchina, dare filo da torcere alla Mercedes nei piani alti e supportare Verstappen. Ci aggiungiamo noi vincere nel caso in cui la prima guida dovesse mancare e Sergio Perez ha lodato l'aiuto anche di Alexander Albon, ex pilota titolare e ora uomo chiave nello sviluppo della monoposto 2022: "Alex sta lavorando moltissimo al simulatore con gli ingegneri. Quando sono venuto qui non mi aspettavo che fosse così aperto con me. Ma mi ha spiegato tutti i problemi che aveva trovato alla guida e in generale il funzionamento di tutta la macchina. È stato bello da parte sua, ho apprezzato molto. Ma questo è un lavoro di squadra e i risultati si raggiungono grazie al lavoro di ogni membro del team. Personalmente devo continuare a migliorare, non ho ancora il 100% del feeling con la vettura. Devo andare a tavoletta per arrivare dove voglio con la macchina. Penso che comunque abbiamo un grande team. Ad esempio, quello che Versrtappen ha fatto a Baku è stato grandioso da vedere, meritava davvero la vittoria per tutto quello che ha fatto nel weekend, è stato semplicemente sfortunato, Quella di Baku era solo gara sei, non conta dove siamo adesso. Per ora dobbiamo solo pensare a estrarre il 100% del potenziale della macchina. C’è molta strada da fare, in Formula 1 possono succedere tante cose. Testa bassa e pensiamo alla prossima gara“.

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME 

CLICCA QUI PER SEGUIRE TUTTE LE INFO DI FORMULA 1 DIRETTAMENTE DA GOOGLE NEWS - ISCRIVITI, È GRATIS!

Sezione: News / Data: Ven 11 giugno 2021 alle 09:33
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print