Il 2022 è il segno di speranza per tutti quanti. Globalmente per essere usciti definitivamente dalla parentesi Covid, motoristicamente parlando per rendere il mondiale di Formula 1 il più avvincente ed equilibrato possibile. Infatti con il nuovo regolamento si spera di rimettere al centro dei risultati il pilota e non l'ingegnere, abbassando il gap tra i team e permettendo ai piloti di darsi battaglia in gara. A GpFans, Carlos Sainz ha parlato a lungo della questione: "Nella mia esperienza per ora con i compagni di squadra in qualifica ci possono essere due decimi di differenza, il fattore macchina, però, fa sì che si verifichino dei distacchi enormi anche superiori al secondo e mezzo. Spero che questo trend venga ridotto nel 2022. Spero che il nuovo regolamento permetta al pilota di fare più la differenza rispetto a quanto avviene adesso, non so come si possa raggiungere questo obiettivo, ma non è il mio compito trovare la soluzione. Io sono un pilota e il mio dovere è quello di andare il più forte possibile. Lo spirito del regolamento va nella direzione giusta, l’intenzione è dare al pilota la possibilità di essere un fattore maggiormente rispetto a quanto avviene adesso in cui la macchina è preponderante. Se sarà così l’audience ne gioverà e si innescherà un circolo virtuoso che non potrà che essere positivo per la F1. Anche se le vetture all’inizio saranno più lente, poi attraverso lo sviluppo i valori in campo potrebbero cambiare, in ogni caso potrebbe esserci più movimento al vertice di quanto avviene tutt’ora”. 

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Lun 11 gennaio 2021 alle 08:55
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print