Imola convince tutti nel giro di pochi mesi. Si è tornati dopo quattordici anni sul circuito emiliano e l'intero paddock è rimasto stregato dalla bellezza e dalle peculiarità di Imola e l'edizione 2021 è stata da leccarsi i baffi. Pioggia, sorpassi pesanti, incidenti clamorosi e mille emozioni. Per questo, Leo Turrini sul Resto del Carlino si chiede se non è arrivato il momento di dare al circuito un posto fisso nel calendario di Formula 1: "Se era un esame, Imola lo ha superato a pienissimi voti. Erano anni che la Formula Uno non si godeva un Gran Premio così zeppo di emozioni. Di sicuro il meteo ha aiutato. Ma, una volta di più, si è potuta apprezzare la differenza tra un circuito vero per uomini veri e tracciati disegnati freddamente al computer. L’opinione tra i piloti è stata unanime. A Imola vorrebbero tornarci tutti. Già: ma quando? In meno di sei mesi, tra l’1 novembre 2020 e il 18 aprile 2021, l’autodromo intitolato a Dino ed Enzo Ferrari ha ospitato due volte la F1. Circostanza resa possibile dagli effetti planetari della pandemia. Tutti speriamo che il Covid diventi presto un ricordo. Domanda, impertinente ma obbligatoria: in un mondo senza virus, ci sarà ancora spazio per Imola sulla mappa del mondiale? Fortissimo è l’impegno in tal senso delle istituzioni. La Regione Emilia Romagna ha vinto la scommessa bis ed è pronta per il Triplete. Il governo ha già garantito un supporto concreto. L’ostacolo da aggirare si chiama globalizzazione".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER SEGUIRE TUTTE LE INFO DI FORMULA 1 DIRETTAMENTE DA GOOGLE NEWS - ISCRIVITI, È GRATIS!

Sezione: News / Data: Mar 20 aprile 2021 alle 08:48
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print