Una fase di stallo che potrebbe prolungarsi e portare ad una rottura. Mattia Binotto dice che si firma entro il 12 agosto, Toto Wolff dice che siamo ancora lontani. Di che si parla? Del Patto della Concordia, l'accordo commerciale per redistribuire diritti e dare bonus e altri privilegi alle scuderie di Formula 1. L'obiettivo della Liberty Media, per rendere più equa la competizione, sarebbe quello di diminuire in grandi gap tra le posizioni in alto e quelle più in basso e ciò ha riscontrato un parere favorevole da tutti. Ma la Mercedes vuole di più. Vuole il bonus e il diritto di veto della Ferrari, vuole sfruttare questi sette anni di dominio per essere egemone, non solo in pista, ma anche sul piano politico-economico. D'altronde, sono sei volte, quasi sette, campione del mondo e hanno il pilota più rappresentativo, ma il muro creato dalla storia della Formula 1, che è dipinta di Rosso Ferrari, sembra essere insormontabile. Per questo, Toto Wolff ha ipotizzato un addio della propria scuderia, se non si dovesse firmare alle sue condizioni: "E’ un accordo che coinvolge 10 team, per cui è normale che ognuno abbia pensieri a se stanti. Abbiamo fatto sapere che la Mercedes è favorevole alla distribuzione più equa del montepremi, siamo d’accordo, ma siamo la vittima più grande dal punto di vista economico: la Ferrari continua ad avere una posizione di vantaggio, mentre la Red Bull si mette in pari con l’AlphaTauri. Quelli più danneggiati siamo noi! La Mercedes ha dato un grande contributo alla Formula 1, siamo stati competitivi in pista e abbiamo il pilota con più appeal del mondo. La sensazione è che non siamo stati trattati come dovuto. Ci sono un sacco di argomenti in discussione, ma dal nostro punto di vista non firmeremo il Patto della Concordia al momento. Per trovare un accordo bisogna chiedere agli altri, se hanno intenzione di sedersi a un tavolo a parlare e cercare magari dei compromessi, ma non sembrano propensi”. 

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Dom 09 agosto 2020 alle 10:28
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print