Dal weekend di fine giugno, 25-27, in cui la Formula 1 sarà di scena in Francia, la FIA attuerà un protocollo più rigido e restrittivo per quanto riguarda il controllo delle ali posteriori. Il cambiamento sembra essere dovuto dal fatto che sia Mercedes che Red Bull (Hamilton si aprì in radio palesando questo andamento nella RB15B Ndr.) abbiano due ali posteriori che ad alta velocità si flettono, dando maggiore velocità alla vettura. Il responsabile tecnico della FIA Nick Tombazis ha commentato così la nuova introduzione: "Faremo attenzione a qualsiasi comportamento anomalo della deformazione dell’ala posteriore, non tollereremo alcuna deformazione persistente fuori piano che può essere escogitata per aggirare il carico simmetrico applicato nelle prove di deflessione del carico. Se dovessimo osservare qualsiasi caratteristica che indichi lo sfruttamento di quest’area, introdurremo ulteriori test di deflessione del carico resi necessari dalle evidenze riscontrate. La Federazione è diventata consapevole del fatto che alcune ali posteriori avevano superato i test ma evidenziavano deflessioni eccessive mentre le auto sono in movimento. Gli alettoni flessibili possono avere un’influenza significativa sulle prestazioni aerodinamiche di una vettura e quindi potrebbero essere considerate in contrasto con le disposizioni dell’articolo 3.8 del regolamento tecnico sportivo. L'ala deve essere rigidamente fissata alla parte interamente molleggiata della vettura e rimanere immobile rispetto alla parte molleggiata della vettura".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME 

CLICCA QUI PER SEGUIRE TUTTE LE INFO DI FORMULA 1 DIRETTAMENTE DA GOOGLE NEWS - ISCRIVITI, È GRATIS!

Sezione: News / Data: Gio 13 maggio 2021 alle 13:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print