Il Motorsport trema. Non è bastata l’arrivo di Liberty Media ai test di Barcellona per scongiurare il rinvio di alcune gare di Formula 1 e l’intasamento dei calendario. Le parole del presidente Chase Carey, dopo gli ultimi sviluppi, assumono i contorni di un vuoto eco di montagna. Sì perché la FIA, nonostante le rassicurazioni del governo australiano, ha fatto sapere che dopo la Cina e il Vietnam, anche il GP d’apertura del mondiale di Formula 1 rischia di saltare. Modifiche ai calendari sono dietro l’angolo, imprevedibili come il cammino del Coronavirus. La sicurezza del carrozzone della Formula 1 viene prima di tutto, la salute anche. Ad aggiungersi a questo il fattore regolarità. Il Vietnam, che ad oggi impone lo stop e la quarantena preventiva obbligatoria agli italiani, potrebbe vedersi cancellato il suo Gp d’esordio. Senza italiani, e quindi senza Ferrari, la Formula 1 non va da nessuna parte. A maggior ragione ascoltando le dichiarazioni di Ross Brawn: “La Formula 1 non corre senza tutti i team”. Insomma o tutti, o nessuno. E così il Coronavirus diventa protagonista non solo dei calendari di un campionato nazionale di calcio, ma anche di uno mondiale di motorsport. Un 2020 caotico.

CLICCA QUI PER LEGGERE LE ULTIME NEWS DI FORMULA 1 - TORNA ALLA HOMEPAGE

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: Editoriale / Data: Mer 04 marzo 2020 alle 10:51
Autore: F1N Redazione
Vedi letture
Print