Pochi vaccini, appena 10, per ogni medico di famiglia. Una situazione che parte veramente a rallentatore. Con una similitudine adatta al mondo dei motori, l'ha commentata Domenico Crisarà, vice segretario nazionale Fimmg, Federazione dei medici di famiglia: "Di vaccini ne abbiamo visti davvero pochi, si vuole correre un gran premio di Formula 1 con una Panda. Ci sono gravi ritardi e c’è tanta confusione anche su quali vaccini vanno fatti, nel Lazio fanno AstraZeneca e in Calabria invece Pfizer".

Sezione: Non solo Formula 1 / Data: Dom 07 marzo 2021 alle 14:18
Autore: F1N Redazione
Vedi letture
Print