Entrare in Formula 1 come pilota titolare è il coronamento di un sogno coltivato per anni, ma anche il punto di partenza per una luminosa carriera. George Russell, a RaceFans.net, ha sottolineato come, umanamente, per lui non è cambiato molto dalla Formula 2 alla 1: "La cosa che mi ha sorpreso di più di questo primo anno? Probabilmente il fatto che non ha davvero cambiato la mia vita come la gente penserebbe. Sono sempre la stessa persona, cerco ancora di stare con i piedi per terra. Penso che quando ti siedi a casa e guardi questi ragazzi in televisione, pensi che siano quasi supereroi e che siano intoccabili. Ma siamo tutti persone normali, in realtà. Vado ad ogni gara con lo stesso obiettivo che ho sempre fatto che è quello di fare il meglio che posso. Ovviamente è solo una scala molto più grande in F1 ed è ovviamente un sogno per me essere in F1, ma in generale penso che la parte sorprendente sia che tutti sono esseri umani normali".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Dom 09 febbraio 2020 alle 13:45
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print