Arrivano le conferme da più parti sul fatto che Charles Leclerc e la famiglia Todt, con Nicolas, figlio di Jean e agente del monegasco, su tutti, hanno preso il controllo delle operazioni in Ferrari. O meglio, stanno facendo valere il loro peso specifico nel processo decisionale del team di Maranello. Infatti, ad F1-insider, Nick Heidfeld ha parlato proprio di questo e di come la decisione di non rinnovare di Sebastian Vettel sia stata dettato anche da questo fattore: "Alla Ferrari, Vettel non aveva più chiaramente lo status di numero 1. Per un pilota top come Sebastian, questo equivale ad una mancanza di sostegno e di fiducia da parte del team. E lui l’avrà sicuramente notato. Leclerc è diventato sempre più il centro della squadra e questo è diventato evidente sin dal rinnovo del contratto. E con il figlio di Jean Todt come manager al suo fianco, la sua influenza politica è molto grande. Per me è chiaro, alla fine Vettel non ha avuto le stagioni che sognava in Ferrari e ovviamente non vuole continuare così. Posso immaginare che un team come la McLaren avrebbe voluto mettere sotto contratto un quattro volte campione del mondo. Dunque qualcosa dev’essere andato storto o essersi messo in mezzo. Non penso che la Mercedes possa considerare utile mettere due piloti ‘alfa’ insieme. Quello che però va a suo favore è la possibile combinazione pilota tedesco-macchina tedesca".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Ven 22 maggio 2020 alle 14:30
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print