Due bandiere rosse che hanno causato due partenze aggiuntive. Otto piloti fuori dalla corsa per incidenti vari. Il primo esperimento del Mugello ha dato vita ad una gara emozionante e impegnativa, soprattutto per il pool dei commissari di gara. Micheal Masi, direttore di gara della FIA, ha spiegato le scelte fatte durante l'ultimo weekend, mettendo in chiaro che la sicurezza è stato il principio cardine con cui le scelte sono state prese: "Non credo assolutamente che la sicurezza sia stata compromessa per creare una ripartenza più entusiasmante. Per la Federazione la sicurezza è fondamentale, non abbiamo bisogno di aggiungere nient’altro. La mia figura non è solo quella di direttore di gara, ma anche di delegato alla sicurezza, quindi ritengo piuttosto offensivo che qualcuno metta in dubbio la mia integrità professionale. I tempi che hanno portato allo spegnimento delle luci della Safety Car non hanno avuto un ruolo nell’incidente sul rettilineo. Possono muovere ogni critica che vogliono su questo. Se si va a vedere la distanza tra il punto in cui sono state spente e la linea di ripartenza, questa è molto simile, se non addirittura maggiore, rispetto a quanto successo su tantissime altre piste. Anche in altre categorie abbiamo visto un restart molto simile a quello della Formula 1 ed è andato tutto bene senza incidenti”.

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Lun 14 settembre 2020 alle 10:41
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print