L'IndyCar dovrebbe cambiare la tipologia dei motori usati nel 2023 e filtrano voci sul possibile inserimento della Ferrari come terzo costruttore, dopo Honda e Chevrolet che hanno ribadito il loro impegno per i prossimi dieci anni. I motori scelti dal campionato americano sono nuovi motori biturbo V6 da 2.4 litri di cilindrata con alimentazione mild hybrid, leggermente meno complessi e costosi degli omologhi di F1. Bud Denker, boss della Penske Corporation che detiene l'IndyCar, ha confermato i contatti con la scuderia italiana: "Il dialogo continua. Ho dato mandato a Roger (Penske Ndr.) di continuare a sviluppare questa opportunità. Ci sono altri costruttori interessati, ma penso che le opportunità maggiori siano quelle legate alle discussioni che stiamo avendo con Ferrari. Il nostro programma è quello di estendere almeno fino al 2026 le norme in modo da fornire una certa stabilità alla serie e consentire ad altri di entrare nel nostro campionato. Abbiamo già due grandi costruttori e questo ci permette di lavorare per il futuro consentendo ad altri costruttori di preparare un loro motore per partecipare alla IndyCar".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION 

Sezione: News / Data: Dom 18 ottobre 2020 alle 11:55
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print