Un esordio meno smagliante di quello che si potesse immaginare per Lewis Hamilton, penalizzato in qualifica e anche in gara, facendolo scendere dal podio. A Motorsport-Total.com, Micheal Masi, il direttore di gara della Fia, ha spiegato il motivo per cui solo domenica mattina è stata presa la decisione di penalizzare di tre posizioni il pilota inglese in griglia: "Semplicemente non avevamo filmati a bordo della macchina di Lewis e quando la Red Bull ci ha avvisato sabato sera tardi che c’era un video che mostrava la ripresa a 360°, sono emerse nuove prove aggiuntive. Non sapevamo che ci fosse quel video, a dire il vero. E ovviamente siamo stato contenti del fatto che qualche anno fa sia stato registrato il diritto di rivedere una decisione. Abbiamo parlato con la FOM, non era qualcosa che fosse disponibile ‘live’, a causa della larghezza della banda. Deve essere scaricato dall’auto, elaborato e così viaC’è stata una nuova audizione su queste basi, che ha comportato una sanzione coerente con l’infrazione, vale a dire tre posizioni di penalità in griglia per il mancato rallentamento sotto bandiere gialle".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Mer 08 luglio 2020 alle 10:30
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print