Al Resto del Carlino, Luca Cordero di Montezemolo si permette un po' di analisi storica per provare a rintracciare le radici di questa astinenza Ferrari nella vittoria mondiale, prendendosi anche una buona dose di responsabilità, quando nel 2014, data del passaggio all'ibrido, era presidente: "Farei autocritica. Ero presidente della Ferrari quando venne deciso il passaggio all’ibrido. Accettai perché la svolta green nell’industria era una necessità anche per le corse. Ma sottovalutai il ritardo italiano, anche nostro, anche della Ferrari, sul fronte di una tecnologia, appunto l’ibrido, che non rientrava nel nostro bagaglio culturale, non era parte della nostra cultura motoristica. Complimenti a chi si dimostra più forte. Proprio per questo dico che bisogna guardare avanti. Quando vinceremo il mondiale? Non mi piace fissare date. Non ha senso e nemmeno è giusto nei confronti di noi tifosi, che abbiamo il diritto di sperare in una inversione di tendenza in tempi più rapidi. La Ferrari deve fare le scelte rese indispensabili da questa crisi così profonda. Avendo la garanzia del pilota: Leclerc ha già dimostrato di essere un top driver. Mattia Binotto è uno dei miei ragazzi. Ripeto spesso che ha bisogno di essere supportato, non può essere lasciato solo. Io so benissimo che la Formula Uno è cambiata tantissimo, non è più quella di venti o dieci anni fa. Ma in una cosa è rimasta uguale: quando una scuderia è in difficoltà, deve proteggere i suoi uomini, certo, ma aggiungendo da fuori le competenze che servono. La Ferrari di Schumi non era solo Schumi. Avevamo un gruppo di numeri uno, nelle varie aree. Da Jean Todt a Ross Brawn, da Stefano Domenicali a Paolo Martinelli a Rory Byrne. E nonostante la loro bravura abbiamo sofferto per anni, prima di riuscire a festeggiare. Il 2022 è già dietro l’angolo".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Lun 10 agosto 2020 alle 12:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print