Ci mise sei anni Jean Todt a vincere in Ferrari. Dal 1993 al 1999 sono stati anni bui e di ricostruzione, molto simili a quelli che stiamo vivendo ora. Per questo, l'ex team principal ed attuale presidente della FIA ha cercato di inspirare fiducia ai tifosi depressi della Rossa. Ai microfoni di Auto Motor und Sport, Todt cerca di trovare il lato positivo: "Non mi piace vedere nessuno soffrire, non importa chi sia. Prima cerco di capire le ragioni che stanno alla base di questi risultati. Posso solo dire che la Ferrari di oggi non è paragonabile alla squadra che ho rilevato nel 1993. A dirla tutta mi sarebbe piaciuto avere una tale base di partenza, la Ferrari è un marchio solido oggi. È un numero importante, ma non mi ha provocato chissà quale emozione.Ero un fan della Ferrari da bambino, poi sono stato al suo servizio e ora sono uno spettatore neutrale. Il mio capitolo a Maranello è finito“.

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Ven 18 settembre 2020 alle 12:04
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print