Insieme al nome della Mercedes e di Lewis Hamilton, nel nome della Formula 1 è inciso anche il nome di Toto Wolff come quello di uno dei team principal più vincenti della storia. A Sky, Carlo Vanzini ha sollecitato il boss austriaco della Mercedes che ha respinto con eleganza i paragoni con Jean Todt e Rod Dennis e ha parlato di sogni e futuro: "Io come Todt e Dennis? Oggi, non lo vedo così, come un averli superati, perchè sei al centro di questa operazione e vuoi continuare a lavorare in Formula 1 e credo che questo bilancio lo possiamo fare alla fine, quando decido di fare qualcos’altro. Non mi sento, ora, vicino a loro. Nonostante i successi, non mi sento minimamente vicino a gente come Jean Todt o Rod Dennis. Per quello, sono felice che me lo dici, ma è surreale. Le  motivazione le ho. Quando sei senza, senti l’esigenza di cambiare. Non voglio passare dal top alla mediocrità e quindi ho sempre le motivazioni, mi faccio sempre questa domanda. Ho diversi sogni, oggi la Formula 1 è uno sport, è qualcosa di poco importante a livello globale. Non voglio fare il politico perchè non mi piace però voglio fare qualcosa che possa aiutare. Me lo aspetto da me".

F1 Web Tv
Sezione: News / Data: Ven 8 Novembre 2019 alle 12:30
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print