La FIA ha dato via libera per continuare lo sviluppo delle monoposto, anche se la stagione non è ancora iniziata, ma in tempo di quarantena è tutto molto più complicato. Alcune squadre, al ritorno da Melbourne, sono in quarantena e la Ferrari ha chiuso la gestione sportiva per affrontare l'emergenza Covid 19. Paolo Filisetti della Gazzetta dello Sport ha parlato di uno sviluppo possibile per la Ferrari solo al 65%: "La decisione di bloccare le attività per due settimane presa da Louis Camilleri, amministratore delegato della Casa di Maranello, include anche quella della Gestione sportiva. Per contro, le scuderie inglese invece continuano a lavorare con un vantaggio tangibile. In pratica, potremmo quantificare in circa il 65% la porzione del lavoro di progettazione che può essere svolta, prima che un nuovo pezzo vada in produzione. Tali problemi non esistono per i team britannici, come Mercedes. Non è così per Honda, fortemente limitata nella sua operatività in Giappone e per la Renault il cui reparto motori potrebbe, a breve, affrontare restrizioni analoghe a quelle che in Italia hanno coinvolto la Ferrari.  Ma a risolvere tutto potrebbe essere la decisione di anticipare le ferie obbligatorie ad ora come ha chiesto la Ferrari".

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME 

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Mer 18 Marzo 2020 alle 14:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print