Ad Auto Hebdo, Frederic Vasseur tratteggia un futuro non proprio ottimista, ma molto crudo e realista. L'emergenza che sta affrontando il mondo intero sta costringendo intere produzioni ad auto-paralizzarsi e, quando sarà il momento di ripartire, sarà estremamente complicato, soprattutto per quei settori, come la F1, che non rientrano tra le priorità: "Vedendo la diffusione dell’epidemia, chi può dire a quale punto sarà il Canada a giugno? Quando la pandemia terminerà, ci sarà una pesante crisi e sinceramente credo che quello di Monaco non sarà l’unico GP cancellato. Questo aspetto è stato sinora sottovalutato dalla F1, che sta iniziando a realizzarlo solo ora. In oltre trent’anni di carriera, ho dovuto affrontare le conseguenze e le incertezze legate alla Guerra del Golfo nel 1990, all’11 settembre 2001, alla SARS nel 2003, sino alla crisi economica del 2007-2008. Il confinamento nelle case l’avevano conosciuto solo i più anziani durante la seconda guerra mondiale. Ci aspettano tempi difficili, ci sarà un prima e un dopo il COVID-19, quantomeno in termini di priorità. E non sono sicuro che il motorsport rientrerà tra queste priorità. Tutta la squadra di gara è stata messa in quarantena per non correre rischi. Gli altri 350 dipendenti sono confinati in casa. La decisione di anticipare la pausa estiva è venuta in nostro soccorso, perché non sarei riuscito ad attivare per tutti il telelavoro. L’impianto di Hinwil sarà chiuso dal 23 marzo al 13 aprile“

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Mar 24 Marzo 2020 alle 14:00
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print