Mattia Binotto ci aveva detto di aver offerto diverse opzioni di contratto a Sebastian Vettel, il tedesco, ieri, ci ha detto che Binotto l'ha chiamato, dandogli già la notizia che non avrebbe mai rinnovato. Le scintille sono già iniziate in Ferrari, mentre Charles Leclerc terrorizza la metà dei tifosi, dicendo che quest'anno si faticherà. Stefano Mancini de La Stampa cerca di capirci qualcosa in questo mare di dichiarazioni: “Adesso è ufficiale: si sono lasciati male. Anzi, per le verità non si sono ancora lasciati, ma questo peggiora la situazione: Sebastian Vettel e la Ferrari rischiano di logorare il loro ultimo anno insieme con liti e scarichi di responsabilità. Seb ha aperto le ostilità durante la conferenza stampa di inizio Mondiale in Austria, tra i rilassanti boschi della Stiria. Per chi avesse creduto alla favoletta del fine rapporto consensuale, ecco qui una versione meno edulcorata. A che punto si è spezzato il rapporto, visto che anche Binotto definiva Seb la prima scelta? Sembra che abbia pesato il rifiuto del pilota di tagliarsi il lauto stipendio, oltre 30 milioni, vista la crisi dovuta alla pandemia. «Non è stata una questione di soldi», giurò subito dopo l’annuncio, però nel frattempo Leclerc, con il piglio del primo della classe, si era spontaneamente ridotto un ingaggio assai inferiore (una decina di milioni). Nel fine settimana del Gp d’Austria Seb non si limita alle questioni contrattuali, che fanno parte delle libere scelte di un team, ma colpisce dove fa male: sui problemi prestazionali che pare affliggeranno la SF1000. «I ragazzi in fabbrica hanno fatto il massimo per portare qualche pezzo nuovo qui, non ci sono riusciti e se ne parlerà in Ungheria». In questo contesto suonano sinistre anche le affermazioni sulla rivalità interna. «Questo è anche uno sport in cui si guarda al proprio risultato – conclude Vettel -. Non renderò la vita facile a Lcclerc solo perché sono in scadenza di contratto». Avanti così“.

CLICCA QUI PER TORNARE ALLA HOME

CLICCA QUI PER IL NOSTRO CANALE DAILYMOTION

Sezione: News / Data: Ven 03 luglio 2020 alle 09:30
Autore: Paolo Mutarelli / Twitter: @j_pablo99
Vedi letture
Print